L’epicondilite è un dolore localizzato all’epicondilo, che rende dolorosi o quando è molto grave, anche impossibili alcuni movimenti semplici come ruotare la maniglia della porta, oppure versare da bere.

epicondiliteL’epicondilo è un distretto anatomico che di trova all’altezza dell’articolazione del gomito: è facilmente individuabile portando il braccio a 90 gradi, piegando il gomito e ruotando la mano ponendo il palmo verso il basso. L’area sopra il gomito, appunto è quella interessata dall’epicondilite, ovvero l’infiammazione dei muscoli che si inseriscono sull’epicondilo.

Spesso erroneamente, viene chiamata anche Gomito del tennista, in quanto il tennis è uno di quegli sport che spesso genera  infiammazioni all’epicondilo. Va ricordato che anche altri soggetti, possono esserne colpiti, come muratori e manovali, o chiunque esegua ripetutamente dei movimenti di flessione del braccio e rotazione del polso.

Vuoi Risolvere la tua epicondilite? LA SOLUZIONE DEFINITIVA

Quali sono le cause dell’epicondilite?

Generalmente vanno ricercate in uno scorretto uso dell’articolazione che messa in sovraccarico, tende ad infiammarsi nella componente epicondilare, ma non va assolutamente sottovalutata, la compresenza di patologie  a carico del rachide cervicale (c5-c6-c7), e proprio la compresenza di Cervicalgia, deve destare sospetto e attenzione nel trattamento per evitare il fallimento, per incompletezza di trattamento alla fonte del problema.

Come si Capisce che siamo affetti da una Epicondilite?

Il dolore specifico alla palpazione dell’epicondilo rappresenta il segno che caratterizza l’affezione. Viene eseguito sul gomito piegato a 90 gradi, e si palpa così il tendine comune epicondileo, l’interlinea omero-radiale, il bordo esterno della testa radiale e la zona in cui emerge il nervo radiale. Alla palpazione quasi sempre si apprezzano un paio di cordoni mialgici nel muscolo corto supinatore e nei muscoli radiali.

Altro segno quasi certo è il dolore provocato nei muscoli epicondilari, quando si chiede una estensione contrastata del polso a dita flesse e l’estensione contrastata delle dita, sopratutto del medio.

Come si cura una epicondilite?

Generalmente questa patologia, è molto ostica, e il trattamento orale mediante antinfiammatori come Fans, non basta ( Al primo dolore, si può assumere un antinfiammatorio, ma non è consigliato l’uso per oltre i 5 giorni, e sempre sotto controllo medico).

Vuoi Risolvere la Tua EPICONDILITE? scopri LA SOLUZIONE

Se persiste la sintomatologia dolorosa, va presa in esame il trattamento di fisioterapia per l’epicondilite, il prima possibile, per evitare fenomeni di cronicità, che possono allungare di molto la guarigione.

Per prima cosa, va assolutamente allontanata la causa del dolore (racchetta da tennis, lavoro manuale intenso..ecc ecc) fino al completo superamento del dolore. Evitare Prove varie per testare il livello di infiammazione, in quanto avrebbero solamente come effetto il riacutizzarsi della sintomatologia.

Come secondo rimedio, è consigliata la crioterapia: Borsa del ghiaccio classica, con cubetti, da mettere sulla zona dolorosa per almeno 15 minuti, 3 volte al giorno (non tenete sulla zona per oltre il tempo consigliato, pena ustioni da freddo).

Si può provare a trattare la zona con impacchi serali di crema antinfiammatoria (Voltaren, dicloreum, ecc ecc o creme naturali come arnica). Si mette una quantità di crema senza massaggiarla, e ricoprendo la zona con pellicola trasparente per cibi, e si lascia tutta la notte. Il calore e la non traspirazione aumentano la porosità della pelle, che permette una penetrazione maggiore del farmaco. Non protrarre questa pratica per più di 1 settimana, e interrompere immediatamente in presenza di arrossamenti, o screpolature della pelle.

Durante la giornata, è possibile provare a migliorare il “Sovraccarico” dell’epicondilo, mediante l’uso di un piccolo tutore, che va posizionato subito al di sotto della zona dolente, proprio nell’area molle al tatto. Tale tutore può essere usato anche durante gli allenamenti nel tennis, o durante le sessioni in moto. Abbiamo provato molti Tutori, ma questo proposto è sicuramente il migliore.

A fronte di una piccola Spesa, si può trovare un forte giovamento!!

Prova Ora

Prova Ora

 

Epicondilite e Mouse, come risolvere il problema lavorativo?

Il computer è ormai parte integrante della nostra vita lavorativa, e sociale, e spesso esiste uan grande correlazione tra Epicondilite e Mouse.

Infatti il mouse è uno strumento indispensabile, per il controllo del computer, ma usato in maniera scorretta determina la comparsa di sintomi a carico del gomito. Proprio i piccoli movimenti, e sopratutto l’attività di cliccare, porta ad uno stress dei muscoli estensori,e si calcola che in una giornata lavorativa si arriva anche a mille click, determinando quindi mille movimenti ripetitivi, sempre identici. Risulta chiaro che un corretto uso del mouse risulta fondamentale,per la prevenzione, ma sopratutto per allontanare una delle possibili cause, che possono rallentare la guarigione.

Abbiamo notato grandi miglioramenti per chi soffre di epicondilite, nell’uso di mouse trackball come questo, a fronte di una spesa non eccessiva:

Tale mouse, ha come caratteristica, il movimento mediante l’uso del pollice, lasciando il braccio immobile, e scaricando spalla e cervicale dal movimento continuo.

Va detto che questo mouse per epicondilite, può risultare all’inizio problematico, ma basta davvero poche ore di apprendimento, per ottenere grandi giovamenti!

Il video che segue fa una recensione di questo mouse, e potete notare anche i commenti positivi:

Come si cura e Trattamento Riabilitativo Epicondilite:

Nel caso in cui i consigli sopra descritti non dovessero sortire un adeguato risultato, si può passare al trattamento ribilitativo che prevede una serie di passaggi molto delicati.

-Ispezione dell’area: il fisioterapista, valuta l’area coinvolta nell’infiammazione, andando ad analizzare quale e muscolo è maggiormente doloroso. Si valuta anche il movimento che da maggiore dolore, ed eventualmente se vi è una corrispondenza a livello cervicale, per poterla trattare direttamente.

-Massaggio: si massaggiano i ventri muscolari colpiti, facendo una mobilizzazione del polso, del gomito ed una prono-supinazione

Onde d’urto:  trattamento elettivo, permette di colpire selettivamente il muscolo infiammato, e le strutture tendinee dolenti. È un trattamento molto efficace, che con poche sedute permette di risolvere definitivamente il problema.

Approfitta della promozione ORA, 5 sedute al prezzo di 4

promozione onde d'urto

-Laser ad alta potenza: Solo laser Yag o Superpulsati hanno dei risultati soddisfacenti, e la loro efficacia è percepibile già dalla prima seduta

-Tecarterapia:Riduce l’infiammazione, decontrattura la muscolatura

promozione tecar

Stretching: Molto importante in quanto un giusto allungamento permette  un movimento corretto di tutte le strutture

Trigger point: si trattano i trigger manualmente, o mediante l’uso di strumenti come la miofibrolisi

Kinesio taping: aiuta molto la zona a ridurre l’edema, e la congestione

 

Esercizi di rinforzo e stretching vanno eseguiti appena il livello di infiammazione è ridotto, e vanno sopratutto insegnati al paziente, per ripeterli a casa più volte al giorno.

La prevenzione e cura dell’epicondilite può essere fatta anche a casa nei casi non eccessivamente severi, mediante l’uso di uno strumento molto interessante, economico, e divertente: la powerball.

È una palla, con al’interno un giroscopio che una volta presa confidenza e pratica, aiuta a rinforzare i muscoli della mano, del polso e della spalla, in maniera molto efficace, senza rischiare di andare ad infiammare ulteriormente i muscoli epicondilari.

Permette anche una discreta mobilizazione del polso, che tende a “Liberarsi”, e aiutare in riabilitazione.

A fronte di una spesa irrisoria si possono ottenere discreti vantaggi in termini di rinforzo e prevenzione dell’epicondilite.

Preferisco questo modello perchè provvisto di contagiri digitale, che permette di tenere conto della sessione di allenamento, e aiutare nella progressione terapeutica

Ricordo infine che come ogni dispositivo va eseguito con gradualità, per cui consiglio di partire da più serie durante il giorno da 30 secondi, per poi proseguire gradualmente e aumentare i carichi in termini di serie e e di minuti per sessione.

Ecco un breve video sull’uso della powerball:

È prevista in letteratura il trattamento con mesoterapia e infiltrazioni con cortisone e acido ialuronico

Vuoi Risolvere la tua epicondilite? LA SOLUZIONE DEFINITIVA

Epicondilite e Tennis possiamo curare il dolore al gomito giocando?

Come già detto l’epicondilite è anche chiamata “Gomito del tennista”, a causa dell’alta frequenza di sportivi che praticano il tennis, a cui improvvisamente compare il dolore al gomito.

Come sempre, in presenza di un fattore scatenante una patologia, è buona norma interrompere l’attività, e magari sostituire la racchetta che con le vibrazioni trasmesse al polso e successivamente ai muscoli dell’epicondilo, può infiammare e determinare una epicondilite acuta.

Tra i tanti marchi, ci sentiamo di consigliare le racchette Pro kennex, che hanno un particolare brevetto che permette di migliorare la trasmissione delle vibrazioni, rendendo meno traumatico il gesto sportivo.

Vi consigliamo di osservare questa racchetta ed eventualmente le altre proposte nel catalogo Amazon, sia per il prezzo particolarmente vantaggioso, sia soprattutto per il vantaggio della formula soddisfatti o rimborsati che il colosso americano offre:

 

 Trattamento chirurgico epicondilite:

La chirurgia è riservata a quelle situazioni in cui il trattamento non invasivo, non ha sortito i giusti risultati. Va comunque ricordato, che il trattamento di una epicondilite, può durare anche diverse sedute (anche 20-30 sedute possono essere necessarie a contrastare i casi cronici o molto resistenti).

Le tecniche chirurgiche più utilizzate sono:

  • denervazione dell’epicondilo (Kaplan, Wihelm)
  • escissione del tessuto patologico del tendine
  • disinserzione del tendine a raschiamento dell’epicondilo (hohmann) associato eventualmente a una sezione del legamento anulare
  • allungamento del secondo radiale
  • ablazione dello pseudomenisco o delle frange sinoviali
  • liberazione della branca posteriore del nervo radiale
  • disinserzione dei muscoli epicondilei

Se l’articolo ti è stato utile

Dai un voto positivo!!

Lascia una recensione
Totali: 788 Media: 3

Vuoi Risolvere la tua epicondilite? LA SOLUZIONE DEFINITIVA

Puoi chiamare per prenotare una valutazione e provare a risolvere la tua Epicondilite

0668808629

NOME COMPLETO*

EMAIL*

OGGETTO:*

TEL:*

MESSAGGIO

RISPONDI AL QUIZ

Ma dove si trova il vostro studio?

Piazza Costaguti 13,Rome

Zona ghetto ebraico,Via Arenula, piazza Argentina

Basato su 86 recensioni

 



Lascia una recensione
Totali: 788 Media: 3
06 68808629 (RM) mdm.fisioterapia@gmail.com