Hai una Borsite? scopriamo cosa è!

borsite

Borsite olecrano

La  borsite è un processo infiammatorio della borsa sierosa di un’articolazione. La borsa sierosa è un piccolo sacco che contiene il liquido sinoviale , che è situata nelle articolazioni, sopratuto quelle che sono sottoposte ad attrito e frizione. In caso di Borsite il movimento del tendine sovrastante diviene difficile e doloroso, tale movimento associato a quello muscolare inoltre aggrava l’infiammazione, creando un circolo vizioso difficile da curare.

Le borse sierose si trovano in sedi dove i tendini passano su alcuni punti ossei. Il movimento tra tendini e muscoli è mantenuto dalla presenza di due foglietti con interposto un liquido sieroso di scorrimento, chiamato liquido sinoviale, che funge da lubrificante per la zona interessata e serve a ridurre in modo molto marcato i fenomeni di attrito. Le borse servono anche da cuscinetto tra i tendini e le ossa. Troviamo decine di borse sinoviali, ogniuna a rischio infiammazione e quindi Borsite.

 

 

Esempio di borsite Subarcomiale:

Quali sono le sedi maggiormente colpite da borsite?

Come abbiamo già detto ogni articolazione provvista di una borsa sinoviale, può essere vittima di una infiammazione, ma le sedi che sono maggiormente colpite sono:

  • olecrano subdeltoideo, detta anche “gomito dello studente”
  • Borsite trocanterica
  • radio omerale
  • prerotulea (prepatellare), detta anche “ginocchio della lavandaia”
  • infrapatellare, detta anche “ginocchio del posatore”

Generalmente questa patologia colpisce soprattutto i maschi (spesso per via di lavori ripetitivi come ad esempio il piastrellista che sta sempre inginocchiato), e le età sono sempre comprese tra i 25 e 55 anni.

Quali sono le cause della borsite?

Non sempre è possibile trovare una causa scatenante, ben precisa, e spesso si trovano due o più condizioni favorenti come:

  • cause infettive (sopratutto stafilococchi e streptococchi)
  • traumatiche (traumi diretti,e lavori ripetitivi)
  • infiammatorie
  • Reumatiche (gotta, artrite reumatoide…)

Sintomi di una borsite:

Il paziente spesso lamenta un dolore importante proprio nella zona anatomica della borsa interessata. Spesso l’area appare gonfia e rossa. Talvolta l’ispessimento e il gonfiore limitano l’articolarità, a causa appunto della neo massa, che limita il movimento. Lo sportivo avverte dolore maggiore subito dopo l’attività sportiva e il giorno dopo.

Come avviene la diagnosi di Borsite?

Per diagnosticare una borsite, l’esame clinico rimane il più appropriato, ma deve essere supportato da esami strumentali che evidenzino l’aumento di grandezza della borsa, e permettono di identificare con precisione la zona. Inoltre gli esami strumentali servono sopratutto per fare diagnosi differenziale.

Gli esami che si utilizzano sono:

Lastra (per escludere eventuali calcificazioni)

Risonanza magnetica ( per chiarificare bene, in caso di dubbi diagnostici)

Ecografia (è probabilmente l’esame principe per diagnosticare questa patologia)

Aspirazione (tale esame, serve ad aspirare il liquido sinoviale, per poterlo analizzare ed eventualmente combattere una borsite infettiva, con antibiotici appropriati)

Trattamento e cura della borsite:

Quando si è affetti da una infiammazione alla borsa sinoviale, risulta importante attuare una serie di accorgimenti e cure del caso:

  • Riposo: come per ogni infiammazione, la prima cosa da fare è sospendere per un periodo medio lungo la fonte di infiammazione. Spesso, tale accorgimento non è attuabile, perchè proprio il lavoro è la causa…per cui magari si possono attuare una serie di accorgimenti come protezioni maggiori, o la riduzione al minimo dell’esposizione
  • Ghiaccio:è il primo antinfiammatorio naturale, e va applicato almeno per 15 minuti 3-4 volte al giorno, sopratutto dopo l’attività sportiva o lavorativa
  • Antinfiammatori: Si utilizzano antinfiammatori orali (ma vanno dosati in maniera corretta), e antinfiammatori locali come creme che vanno applicati localmente 2-3 volte al giorno, e magari la sera prima di coricarsi, creando un impacco (si mette la crema abbondante, senza massaggiarla completamente, e si copre la pelle con della pellicola trasparente per i cibi, e si lascia tutta la notte..)
  • Fisioterapia: Le terapie che si possono utilizzare sono: Tecarterapia, Laser ad alta energia, ipertermia, Onde d’urto, mobilizzazione dei tessuti, linfodrenaggio. Risulta utile un rinforzo muscolare appena la fase infiammatoria si è ridotta.
  • Infiltrazioni: si usano corticosteroidi, esclusivamente dopo aver escluso la causa infettiva
  • Antibiotici: Una volta aspirato ed analizzato il liquido sieroso, si può procedere con antibiotici specifici per il tipo di batterio responsabile dell’infiammazione
  • Aspirazione del liquido della borsa: tale procedura va fatta prima del trattamento riabilitativo e non va intesa come la cura, ma come l’inizio di un trattamento più ampio, pena la ricomparsa del gonfiore, non avendo risolto la causa scatenante.

Prevenzione di una borsite:

eseguire sempre un adeguato riscaldamento prima dell’allenamento

evitare di compiere ripetutamente lo stesso movimento

Risolvere i difetti posturali con la rieducazione posturale Mezieres

utilizzare calzature adeguate

evitare sforzi eccessivi non supportati da una preparazione atletica adeguata

 

Hai qualche dubbio? non esitare e contattarci

telefonicamente allo

0668808629

oppure compila il modulo…sarai ricontattato immediatamente

NOME COMPLETO*

EMAIL*

OGGETTO:*

TEL:*

MESSAGGIO

RISPONDI AL QUIZ

Lascia una recensione
Totali: 66 Media: 3.1
06 68808629 (RM) mdm.fisioterapia@gmail.com